OCC ISCOS
Tribunale di CUNEO

 
 

Organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento iscritto al n. 238, sezione A, del Registro degli O.C.C. tenuto dal Ministero della Giustizia ai sensi del D.M. 202/2014

L'O.C.C. ISCOS n. 238 eroga per il circondario del tribunale di Cuneo il servizio di gestione e composizione della crisi da sovraindebitamento previsto dalla legge 27 gennaio 2012, n. 3, inclusa la funzione di liquidatore o di gestore della liquidazione, per il tramite dei propri gestori della crisi accreditati dal Ministero della Giustizia.
L'elevato livello di professionalità dei gestori ISCOS garantisce all'istante-debitore di ricevere sempre il migliore supporto nella redazione della proposta di composizione della sua situazione di crisi e nella regolare esecuzione della stessa, fino al conseguimento della completa esdebitazione.

Competenza per territorio

Nel rispetto della normativa vigente (art. 7, comma 1, L. 3/2012) questo O.C.C. può accogliere le domande dei soggetti debitori aventi residenza, o sede nel caso di attività economiche, nel circondario del TRIBUNALE DI CUNEO.

Verifica la competenza territoriale >

In caso di procedura familiare con presentazione contestuale delle domande di accesso, la competenza territoriale è quella derivante dalla residenza di uno degli istanti-debitori.

Contatta ISCOS. Un operatore specializzato è sempre a tua disposizione

Per avere supporto sulle modalità di avvio della procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento ex L. 3/2012, informazioni sui diversi strumenti e le diverse soluzioni che consentono di porre fine alla situazione di crisi o richiedere un esame preliminare della condizione di sovraindebitamento è possibile contattare ISCOS ai seguenti recapiti:

Contact center Piemonte 011.1020.760
(lunedi/venerdì - 9:00-13:00/15:00-18:00)

E.mail info@iscos.it
Pec protocollo.iscos@pec.it

Richiedi informazioni >

Possono accedere alla procedura:

- consumatori; - imprenditori agricoli; - start up innovative; - imprenditori sotto soglia ai sensi dell' art. 1 Legge Fallimentare; - imprenditori sopra soglia ma con debiti inferiori a € 30.000; - imprenditori cessati; - soci illimitatamente responsabili; - professionisti, artisti e altri lavoratori autonomi; - società professionali ex L. 183/2011; - associazioni professionali o studi professionali associati; - società semplici costituite per l'esercizio di attività professionali; - enti privati non commerciali.

Non possono accedere:

- imprenditori soggetti ad altre procedure concorsuali; - soggetti che nei 5 anni precedenti hanno già fatto ricorso ad una procedura da sovraindebitamento; - soggetti che hanno subito provvedimenti di revoca, risoluzione o annullamento dell'accordo di ristrutturazione o del piano del consumatore; - soggetti che presentano una documentazione incompleta o insufficiente a ricostruire la situazione economica.

Diverse soluzioni, un unico obiettivo

La Legge 3/2012 prevede tre possibili soluzioni per la composizione della crisi da sovraindebitamento e la liberazione dai debiti:
- Piano del consumatore
- Accordo di ristrutturazione dei debiti
- Liquidazione dei beni

Sono previste anche due procedure speciali:
- Esdebitazione dell'incapiente
- Procedura familiare

Al termine di ognuna delle procedure suindicate il debitore può beneficiare della completa esdebitazione, lasciandosi alle spalle i vecchi debiti anche se non pagati o pagati solo in parte.

Leggi di più >

Avvia una procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento ex L. 3/2012

Per avviare una procedura è sufficiente compilare e inviare la Domanda di accesso.

Alla domanda devono essere allegati:
  • documento di identità e codice fiscale dell'istante-debitore;
  • ricevuta di versamento di € 244 (acconto per deposito domanda);
  • ricevuta di versamento € 125 (contributo unificato e diritti di cancelleria per deposito richiesta autorizzazione accesso alle banche dati ex art. 15, comma 10, L. 3/2012).

Svolgimento e conclusione della procedura 

L'istante-debitore fornisce con la domanda di accesso e successivamente, nel corso della procedura, le informazioni necessarie a ricostruire la sua situazione economica e patrimoniale. 
Il gestore esperto incaricato da ISCOS prende quindi in carico l'intera situazione debitoria, favorisce la predisposizione della documentazione richiesta dalla normativa, intrattiene i rapporti con i creditori istituzionali e privati e, previa autorizzazione del Tribunale competente, interroga le banche dati interessate.
Collabora, infine, alla individuazione dello strumento tecnico giuridico più adatto alla condizione finanziaria del debitore e, vigilando sulla sua corretta attuazione, rende effettiva l'esdebitazione conseguente all'azzeramento del monte debitorio.

OCC ISCOS in Italia

Sempre più vicini a chi ha bisogno di un supporto qualificato per uscire definitivamente dalla crisi da sovraindebitamento.

Sei un gestore della crisi?

Proponi la tua candidatura per l'attivazione di una sede territoriale ISCOS e potrai ricevere incarichi ex L. 3/2012.